Dal 12 marzo al 13 maggio 2024, i ristoranti in Italia hanno l'opportunità di richiedere contributi a fondo perduto fino a 30.000 euro per l'acquisto di nuovi macchinari e beni strumentali, come software gestionali, attrezzature per la cucina e per la sala, sistemi di pagamento elettronico e molto altro.

In questo articolo vi spieghiamo in modo chiaro e dettagliato come richiedere i contributi a fondo perduto per la ristorazione 2024 denominati "Fondo per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano"

Si potranno inviare dal 12 marzo le domande per i contributi a fondo perduto in favore di bar, ristoranti e pasticcerie. La procedura si era aperta il 1° marzo ma è stata subito chiusa per problemi tecnici.

ATTENZIONE: Invitalia ha annunciato i nuovi termini per l'apertura, con nuova scadenza il 13 maggio 2024.

Sarà possibile fare domanda per avere un’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dell’Agricoltura per le eccellenze enogastronomia e agroalimentare: il Masaf concederà infatti un aiuto in conto capitale non superiore a 30mila euro per impresa beneficiaria e rispettando l’aliquota massima di aiuto del 70%.


Perché questa dei contributi a fondo perduto per la ristorazione è un'occasione da non perdere:

Rilanciare la tua attività: I contributi possono aiutarti ad acquistare nuove tecnologie e strumenti per migliorare l'efficienza e la competitività del tuo ristorante.

Investire nel futuro: Rinnovare le attrezzature e i macchinari ti permetterà di offrire un servizio migliore ai tuoi clienti e di aumentare il tuo fatturato.

Adeguarsi alle nuove esigenze: Con la crescente diffusione del food delivery e del take-away, è importante avere le tecnologie adatte per gestire al meglio gli ordini online e le consegne.

Come presentare la domanda per i contributi a fondo perduto della ristorazione

Le domande devono essere presentate a partire dal 12 marzo 2024 e sono ammissibili fino al 13 maggio (nuova scadenza) 2024 sulla piattaforma informatica messa a disposizione da Invitalia.

Le spese preventivate dovranno essere sostenute interamente entro 8 mesi dalla concessione del contributo. È consentita l’erogazione di un anticipo nella misura massima del 50%, previa presentazione, da parte dei beneficiari del finanziamento, di una fideiussione bancaria o assicurativa.

Sono ammesse due tipologie distinte e alternative di intervento, finanziate rispettivamente con 56 e 20 milioni di euro:
  • acquisto di macchinari professionali e beni strumentali all’attività di impresa nuovi di fabbrica, organici e funzionali all’attività svolta. I beni acquistati devono essere mantenuti nello stato patrimoniale dell’impresa per almeno tre anni dalla data di concessione del contributo. Le spese devono essere sostenute DOPO l’invio della domanda di agevolazione;
  • spese relative alla remunerazione lorda relativa all’inserimento nell’impresa, con contratto di apprendistatodi uno o più giovani diplomati nei servizi dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera. I giovani diplomati devono essere in possesso dei seguenti requisiti: aver conseguito un diploma di istruzione secondaria superiore presso un Istituto professionale di Stato per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera (IPSEOA) da non oltre cinque anni; non aver compiuto, alla data di sottoscrizione del suddetto contratto di apprendistato, i trenta anni di età.

Dove presentare la domanda per i contributi a fondo perduto della ristorazione?

La domanda può essere presentata accedendo all’Area Riservata sul sito Invitalia

Manuale utente per la registrazione dell’impresa e la presentazione della domanda

Modulo di domanda – Fac-simile
(il fac-simile non va utilizzato per la presentazione della domanda)

È necessario:

  • essere in possesso di un’identità digitale (SPID, CNS, CIE);
  • accedere all'area riservata per compilare online la domanda;
  • disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Documenti per presentare la domanda:

Obbligatori

DSAN possesso requisiti
DSAN antiriciclaggio titolare effettivo
DSAN casellario, carichi pendenti e procedure concorsuali liquidatorie
DSAN Impresa Unica

 

Se pertinenti

DSAN DURC (ove l’impresa non dovesse avere obbligo di iscrizione ad uno degli Enti previdenziali)

Ecco perché i contributi a fondo perduto sono una notizia per il food delivery

I software rientrano tra le spese ammissibili?

Si, sono ammissibili alle agevolazioni le spese relative all’acquisto di software specifici, necessari allo svolgimento dell’attività dell’impresa e correlati all’attività stessa, quali – a titolo esemplificativo e non esaustivo – software per   gestione ordini, food delivery, magazzino, personale e gestione incassi.

Con l’adozione di nuovi strumenti e software per la gestione del servizio di consegna a domicilio affidabile, potrai finalmente offrire un servizio coerente, efficace e totalmente gestito internamente.

Per approfondire, leggi i nostri articoli:
Giri di consegna: come organizzarli, gestirli e ottimizzare i tempi
Come iniziare a fare le consegne a domicilio
Ordini a domicilio: come gestirli da telefono e web

Beneficiari e requisiti del bando per contributi a fondo perduto per la ristorazione

Per la presentazione delle domande di accesso al regime di aiuto a favore degli investimenti le imprese beneficiarie devono risultare attive da almeno 10 anni alla data del 30 agosto 2022 o, in alternativa, avere acquistato nei 12 mesi precedenti la data indicata i prodotti biologici, i prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ, secondo percentuali minime indicate nel decreto appena pubblicato.

Possono beneficiare delle misure tutte le imprese della ristorazione con somministrazione, pasticcerie e gelaterie appartenenti ai seguenti codici Ateco:

    • 56.10.11 “Ristorazione con somministrazione”, iscritte nel registro delle imprese da almeno 10 anni o, alternativamente, che abbiano acquistato prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25% del totale dei prodotti alimentari acquistati nei 12 mesi precedenti (tra il 30 agosto 2021 e il 30 agosto 2022);
    • 56.10.30 “Gelaterie e pasticcerie” e 10.71.20 “Produzione di pasticceria fresca”, iscritte nel registro delle imprese da almeno 10 anni o, alternativamente, che abbiano acquistato prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici, nei 12 mesi precedenti (tra il 30 agosto 2021 e il 30 agosto 2022), per almeno il 5% sul totale.

LINK UTILI

  1. Periodo di presentazione delle domande: 1° marzo 2024 – 30 aprile 2024
  2. Importo massimo del contributo: 30.000 euro
  3. Spese ammissibili: Acquisto di nuovi macchinari e beni strumentali
  4. Sito web per la presentazione della domanda: https://www.invitalia.it/
  5. Pagina di riferimento di Invitalia: https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/fondo-eccellenze-gastronomia
  6. FAQ https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/fondo-eccellenze-gastronomia/macchinari-e-beni-strumentali/faq
  7. Leggi il decreto del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste
  8. Per i soli prodotti DOP, IGP (ivi inclusi i vini DOCG, DOC e IGT) e STG non è necessario che tali certificazioni siano indicate in fattura ove i prodotti siano indicati negli elenchi disponibili ai link di seguito riportati: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4625
    https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2090

Cos’è Deliverart?

Deliverart è un gestionale in cloud per la ristorazione, nato a Roma e 100% italiano, con tutte le caratteristiche che ti servono per dare una svolta alla gestione delle consegne a domicilio e non solo: ci sono funzionalità dedicate alla cucina, alla gestione dei giri di consegna, dei turni dei rider, una app dedicata per iOS e Android con collegamento GPS per i corrieri e un sito e-commerce da cui i tuoi clienti potranno ordinare i tuoi piatti in delivery. Inoltre siamo collegati con le migliori piattaforme di delivery come Just Eat, Deliveroo e Glovo e molti altri software.

La parte migliore? Il costo è di 1,50€ al giorno, senza obblighi, senza sorprese e senza alcuna commissione sugli ordini che ricevi! Vuoi vedere come funziona?

Deliverart integra chiamate, ordini digitali e organizza le consegne

Contattaci e ti scriveremo noi su WhatsApp!